nuove produzioni

Palermo: il ruggito del Gattopardo (2018)

Documentario 
di Daniele Cini e Claudia Pampinella
Regia: Daniele Cini
Fotografia: Fulvio Martinelli
Montaggio: Paolo Vanghetti
Produttore esecutivo: Claudia Pampinella
Durata: 26”:00′

Trasmesso il 12 febbraio 2018 su Geo Rai 3

SINOSSI

Palermo, la quinta città italiana per numero di abitanti, è quella che racchiude in sé la maggiore stratificazione di civiltà della Storia europea. Un’immersione dentro una città piena di forti contrasti, con i mercati storici come Ballarò e la Vucciria dove si coltiva l’abitudine del cibo da strada. E ancora la Cattedrale, il Palazzo Reale e la chiesa della Martorana che testimoniano l’intreccio di storia e civiltà arabo-normanna. Ma da piazza Pretoria a via Maqueda, con lo slargo dei quattro Canti il barocco sembra dominare il centro storico. Di meraviglie in questa città ce ne sono davvero tante, come lo spettacolare e restaurato Palazzo Gangi, dove Luchino Visconti girò la memorabile scena del ballo nel ‘Gattopardo’. Lo splendore scenografico di questo palazzo, tenuto in vita con tanta passione da Carine, ci porta a esplorare la Palermo delle ville sontuose e dei giardini. In questo clima colto e cosmopolita, verso la fine dell’800, si diffonde anche il gusto della lirica con il Teatro Massimo, il secondo Teatro d’Opera più grande d’Europa, come ci racconta Francesco, un giovane baritono che qui ha debuttato e che ha deciso di partecipare ad un’iniziativa del Teatro stesso che porta la lirica nei quartieri difficili come lo Zen. Questa incursione nella periferia apre un nuovo capitolo che riguarda Palermo: quello della Mafia. Oggi però anche i quartieri difficili della città come il Brancaccio e lo Zen, stanno cambiando anche grazie all’eroismo di uomini e donne che non si sono mai arresi come Maruzza che ha messo insieme giovani apprendisti e donne di esperienza, provenienti da questi quartieri difficili, promuovendo con successo un atelier per la fabbricazione di borse, destinate a un circuito di alta moda.

GALLERIA

Lascia un commento